mercoledì 4 novembre 2009

Zuppa di sedano rapa con pesto di prezzemolo


Ed ero quindi qui a pensare che, brrr, di gratin (1 e 2) e graziose terrine avremmo in effetti già parlato, per cui sì, a conti fatti mancherebbe la zuppa. E sull'argomento, confesserei una sorta di predisposizione genetica, una fedele osservanza di ciò che era (ed è!) l'irrinunciabile rituale serale ad elevato tasso di serotonina, caldamente raccomandato per quelle cenette del quant'è bello starsene vicinivicini, finalmente al calduccio. La compagna perfetta per sopravvivere al faticoso tg delle venti e, magari, per recuperare i pezzi sparsi in giro durante la giornata (esagerata lo so, è che la zuppa mi riconcilia col mondo intero, giuro!). Lo scalda-cuore che manco quelli dell'intimo sotto casa ne hanno minimamente idea, cucchiaio dopo cucchiaio, la giusta ricompensa che uno s'aspetterebbe di trovare in tavola, in accompagnamento al famoso tg di cui prima. Schietta e sincera (ma non era per caso una birra?!:-)) e se proprio non riusciste a reperire il sedano rapa del titolo (ndr: ricordarsi di ringraziare il mitico egizio-cingalese che oltre a rifornirmi di tutta la frutta secca possibile ed immaginabile, ovviamente, c'ha pure il sedano rapa! E già che ci sono, ricordarsi anche di annotare che il sedano rapa col pesto di prezzemolo è un autentico, inaspettatissimo sballooo!)... e dicevamo quindi del sedano rapa, sì/no/forse, ma signori miei, frullate pure ciò che vi passa agevolmente il convento, ma frullate! E se siete di quelli che la zuppa=brodo, spiacente, cliccare sul blog successivo (scherzooo:-)). Ehpperò tant'è, tocca ammetterlo: quanto a consistenza, la sottoscritta è proiettata sul genere decisamente corposo, piacevolmente denso! Allegri però, potrei perfino farcela a superare il noiosissimo impasse che tanto qui, mi rendo conto, è più che altro una questione di gusti. Focus invece sul monito del giorno che è: più zuppa per tuttiii (sottotitolo: e vissero tutti felici, sazi e contenti)!!! :-)

Zuppa di sedano rapa con pesto di prezzemolo
(da una ricetta del Corriere della Sera)

per 4 persone:
400 g di sedano rapa
40 g di prezzemolo

40 g di grana grattugiato

2 patate medio-piccole
2 carote
1 cipolla

olio extravergine d'oliva

sale

Pelate le patate e lavatele. Mondate il sedano rapa e tagliate entrambi a pezzetti. Mondate le carote e tagliatele a tocchetti. Sbucciate la cipolla e lasciatela appassire in una casseruola con un cucchiaio d'olio, a fiamma bassa per 6-7 minuti (mescolando spesso). Unite sedano, carote e patate; dopo 3-4 minuti salate, bagnate con un litro abbondante di acqua, portate ad ebollizione, schiumate, regolate la fiamma e fate cuocere per 30 minuti. Passate il tutto al mixer, portate nuovamente sul fuoco e, a seconda della densità desiderata, allungate con acqua o lasciate restringere. Lavate il prezzemolo e tritatelo; raccoglietelo in una ciotola e mescolatevi il grana e 4 cucchiai d'olio. Distribuite la zuppa in ciotole singole e disponetevi sopra 1 cucchiaio di pesto. Servite ben caldo.

English, please!!!

Celeriac soup with parsley pesto
(from a recipe of Corriere della Sera)

for 4:
400 g celeriac
40 g of parsley
40 g grated parmesan
2 medium-small potatoes
2 carrots
1 onion
extra virgin olive oil
salt

Peel the potatoes and wash them. Peel celeriac and cut into pieces each. Peel carrots and cut into pieces. Peel the onion and let it dry in a saucepan with a tablespoon of oil over low heat for 6-7 minutes (stirring often). United celery, carrots, potatoes and salt after 3-4 minutes; pour a quart of abundant water, bring to a boil, skim, adjust the flame and cook for 30 minutes. Spend all the mixer, bring back the fire and, depending on the desired density, thinned with water or restrict it. Wash and chop the parsley; put it in a bowl with cheese and 4 tablespoons of oil. Distribute the soup into individual bowls, with 1 tablespoon of pesto. Serve hot.

20 commenti:

Elisakitty's Kitchen ha detto...

Ciao Precy! Al più presto voglio cimentarmi anche io in una zuppa cpn sedano rapa! Che buona!

sfizzioso ha detto...

oggi si parte per una nuova missione :IL SEDANO RAPA
riuscirà il goloso sfizzioso a sazziare la sua voglia ???
cmq. le zuppe sono veramente stratosferiche hanno un potere calmante rendono tutto armonioso !!!

P.S. ma la parte croccante non ce la mettiamo ??? non sò mi ricorda qualcuno!!!

furfecchia ha detto...

Ho una palla di sedano rapa che piange in frigorifero...
Si si anche io sono per le zuppe belle dense e corpose,le faccio ritare tantissimo qualche volta provo a mangiarle con la forchetta!!!!!

Nicole ha detto...

non so mai dove metterlo in sedano rapa e in genere finisce al forno tipo patate! Ok provo la zuppa la più presto...tanto ormai il tempo sembra non richiedere altro che piatti fumanti!

lise.charmel ha detto...

io pure adoro le zuppe e ieri ho fatto la mia prima, che ora subito vado a postare!

Precisina ha detto...

@sfizzioso: col famoso senno di poi, cristini di polenta frittifrittifritti? vai, tocca a te... :-)))

@nicole: al forno tipo patateeeee... uhm, mumble :-)))

Onde99 ha detto...

Preci, era un po' che non passavo... com'è cresciuto il tuo blogghino!!! E'diventato un capolavoro! Volevo chiederti un'informazione sui cachi grigliati: vorrei farli anch'io, ma non ho capito bene a che punto della maturazione posso usarli, occorrono quelli ancora un po' acerbi, come per la conserva sott'olio, oppure servono molto maturi?

sabri ha detto...

Buona e con dei colori meravigliosi!

Fra ha detto...

concordo, la zuppetta serale ti riconcilia davvero col mondo! E allora vai col frullo ^^
Un bacione
fra

Precisina ha detto...

@onde: come staiiii? :-))) erano cachi già pronti da mangiare, maturi, ma non morbidissimi. cmq tagliali a fette spesse un dito e piazzali sulla piastra ben calda (e che sia decisamente antiaderente!!!), aspetta che si formi una specie di pellicola-cristicina(un minutino scarso) e vedrai che ti si staccheranno facilmente. allez, con una spatola, mooolto delicatamente, hhoopp, a grigliare dall'altra parte :-) p.s. grazie :-)))

Anonimo ha detto...

cialdine extra sottili alle mandorle e arancia!!!
(albumi -farina -sale -mandorle con la pelle-e buccia d'arancio)si cuoce tutto insieme per poi fettarlo finissimo con una affettatrice e si riinforna sotto il gril per 5 minuti!!!
P.S. la versione dolce con lo zucchero di canna è veramente eccezzionale!!!

sfizzioso ha detto...

ops.solito sbadato

Precisina ha detto...

Fabiooo, cioè tipo cantucci extra fine?! :-O

sabrine d'aubergine ha detto...

Non ci posso credere... io ho una vellutata di sedano rapa in pentola, per domani! Solo che il colore è un po' diverso... la mia è più chiara. Concordo sul potere delle zuppe: riappacificano con il resto del mondo! Soprattutto quando piove. Bravissima come sempre! A presto
Sabrine

sabrine d'aubergine ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
sfizzioso ha detto...

sono completamente diversi avendo solo albumi e non avendo lieviti viene un impasto compattissimo che solo previa affettatura e tostatura regala tutta la sua eleganza e leggerezza!!!

per la tua parte golosa...
300 farina
300 zucchero
300 mandorle
8 albumi

Precisina ha detto...

@spizzioso: aspèèè, piano che sto segnando, ufff, stà penna che nn scrive... senti un po', ma se li facessi in versione salata, ehm, per solita la zuppa etc etc??? :-)))
p.s. dalla regia mi suggerivano una sorta di blog nel blog, bè, il nome va decisamente da sè: "mamma che sfizzzzioso" :-)))

Genny G. ha detto...

mic hiedevo come avessi fattoa far diventare giallo il sedano rapaD:DDD bello ilt uo blog!!!:DD

sfizzioso ha detto...

ma figurati io sono una capra confronto a te !!!
la versione salata che uso è praticamente la stessa unica differenza è nella sostituzione dello zucchero con una dose di farina maggiore di 100gr e la buccia d'arancio.

Precisina ha detto...

@genny: benvenuta :-) il colore dici? eh, carote impertinenti che prendono il sopravvento ;-)
p.s. grazie!

@sfizzioso: quanta umiltà, ma vaaa... :-)))