mercoledì 18 marzo 2009

I ceci col pecorino (di fossa)


Certo che quando si va in fissa... ancora un' insalata! E riflettevo sul fatto che... saremmo soltanto a marzo! Domanda: continuando di questo passo, cosa mangeremo mai ad agosto? Problema apparentemente serio, se non fosse che, in realtà, la risposta è talmente evidente: suvvia gente, quelle che vi sto propinando saranno anche insalate, ma decisamente in versione piatto-unico, corpose, azzarderei corroboranti (sempre della serie: mica son due foglie di lattuga!!!). A chi verrebbe mai in mente di mangiare del pecorino di fossa ad agosto?! Ecco, quindi proseguiamo (di diritto) con questa divertente saga delle insalate marzoline e dicevamo... pecorino di fossa (pecorino di Pienza, stagionato in fosse naturali di tufo): ancora una volta, resto estasiata di fronte ad accostamenti che, normalmente, mai nella vita... invece, per fortuna, capita d'assaggiare e scoprire che (ma wow!!!) vanno a braccetto come i pomodori con la mozzarella di bufala (attenzioneattenzione: anticipazione esclusiva sulle insalate agostiane)!!! Formaggio e legumi: dalle mie parti (quelle meridionali ovviamente), penso d'averlo ripetuto fino alla nausea, le paste&... (lenticchie/fagioli/ceci...) vanno davvero tantissimo, autentiche ricette cult se ancora non si fosse capito!!! Soltanto che... una delle primissime cose che t'insegnano (insieme al fatto che bisogna copririsi la bocca quando si sbadiglia) è che il formaggio con i legumi: giammai! Parlo della cucina di casa, quella della mamma, della nonna, della zia... mi son dovuta trasferire a Roma per azzardare certi abbinamenti (tanto mamma non mi vede!). Ad ogni modo, siamo partiti sostanzialmente dalla stessa Delphine di ieri, precisamente dalla sua insalata di ceci e cipolla! Ma dovevo assolutamente (ri)mangiare lo spettacolare pecorino di fossa del solito, ottimissimo Gianluca (non staremo esagerando con tutti stì superlativi?! cmq, lui li vende... non fa mica il casaro!!!)... tutto il resto, bè, sono soltanto ceci in scatola (meschino lo so, ma credo si tratti dell'unico legume che, da secco, mi resta sempre un tantino duretto... ed a questo punto m'aspetto dritte, suggerimenti: Acquaviva, ci sei???). E gli anacardi perchè... scusate, ma che vita sarebbe senza crunch?! :-)


Insalata di ceci, con anacardi
e Pecorino di fossa

per 4 persone:
400 g di ceci cotti
4 cipollotti novelli affettati sottilmente
ca. 50 g di Pecorino di Pienza in scaglie
1 manciata di anacardi tostati e spezzettati
1 mazzetto di prezzemolo tritato
4 cucchiai d'olio d'oliva
1 cucchiaio di senape all'antica
2 cucchiai di aceto di vino bianco
fior di sale
pepe

Versate in una ciotola l'aceto, la senape, l'olio, un po' di sale ed il pepe. Aggiungete i ceci, le cipolle, gli anacardi, il prezzemolo e parte del formaggio. Mescolate bene e completate il piatto con le altre scaglie di pecorino. Servite subito oppure conservare al fresco.

10 commenti:

manu e silvia ha detto...

I ceci li abbiamo preparati giusto l'altra sera...con pancetta, cipolla e pecorino...una spadellata!
ma ci piace moltissimo anche questa insalata...sarà che sono un legume che stà davvero bene con il pecorino!!!bacioni

Giò ha detto...

conosco le fave con il pecorino, non avevo mai pensato di usarlo con i ceci!ma come fanno a venirti queste bellissime idee? mi sa che oggi metto a bagno i ceci e domani sera li faccio!

acquaviva ha detto...

Certo che ci sono, ma... TU chiedi A ME, con un'infanzia nordica alle spalle, come si cuociono i ceci?!
Guarda, io in realtà ho imparato "in tarda età" dalla nonna di un mio fidanzato meridionale (eh, vedi che anche gli uomini servono a qualcosa!), che li lasciava a bagno davvero parecchio, li cuoceva per almeno un'ora e mezza e nell'acqua di cottura metteva anche tre cucchiai di olio, ma non so se la morbidezza dipenda da quello.
In compenso io ci metto, sempre in cottura, un pezzetto di alga kombu, che mi permette poi di unire meno sale perchè li lascia già profumati, ed inoltre (non so perchè) evita anche i fastidiosi effetti fisici collaterali dei legumi...

Giò ha detto...

per i la cottura dei ceci: io li lascio in ammollo per 1 notte o più (almeno 12 ore), poi li cuocio nella pentola a pressione in acqua con una foglia di alloro per circa 20-30 min. dipende dalla qualità

Fra ha detto...

mmmmm.... mi intriga assai...come quasi tutte le tue magnifiche sperimentazioni
un bacio
fra

JAJO ha detto...

IO, il pecorino di fossa, anche ad agosto....... hehehehehehe
Buona questa "insalata": ma non è che stai "amplificando" un po' questa dicitura ?!? hehehehe
Un bacione !!

CoCò ha detto...

Ho giusto quel pecorino, proprio quello di Gianluca, in frigorifero ed ancora non ho preparato niente che lo contenga avevo in mente un'altra cosa ma ti dirò anche l'insalata la provo senz'altro, ah io la pasta coi borlotti senza il parmigiano sopra non la mangio

Lo ha detto...

considerando ch eadoro i legumi e soprattutto i ceci e ch emi piacciono i piatti unici..questa insalata è promossa! Ciao Precy...tutto bene? :)

Elga ha detto...

Mi piace molto questo abbinamneto, avevo giusto voglia di ceci:))

Precisina ha detto...

@manu e silvia: quindi da voi, s'usa eccome?!

@giò: facce sapè...

@acquaviva: ecco, per l'appunto... l'ammollo zen mi mancava di sicuro!!! un bacio cara... quando ci si (ri)vede?

@giò: segnosegno... e ci riprovo, promesso!

@fra: quindi, sarei, un'intrigatrice... vedrai che, a breve, elencheranno nuovi peccati capitali... per il girone dei golosi!

@jajo: ragionissima, basta servire una cosa fredda... oppss, insalata!!! quanto al pecorino, semo in due!!!

@cocò: qualcosa mi dice che le nostre dispense... mmm... golosone!!!

@lo: grazie... tutto bene cara, tu? baciobaciobacio!!!

@elga: carinissimo il nuovo profilo!!!