mercoledì 24 febbraio 2010

Tofu marinato

PICCOLA COMUNICAZIONE DI SERVIZIO
Per motivi tecnici sopraggiunti (i soliti cretini che si divertono a lasciare spam in giro, ndr), sono stata costretta ad aggiungere la funzione 'verifica parole' giù nei commenti... per cui, al momento dell'invio delle vostre, eventuali, paroline dolci a me indirizzate, digitate agevolmente anche quelle 4-5 lettere di verifica e senza perdersi d'animo, su! :)) Abbiate pazienza, sigh.


Ad un certo punto, la pausa fisiologica c'è stata (prego, controllare la data dell'ultimo post a tema nipponico, tse:)). Un po' per me stessa, vista la tendenza ad andare in fissa su certe cose, tipo che il resto potrebbe anche temporaneamente scomparire... e poi d'un tratto flop, senza capire il come, il quando e soprattutto il perchè, tutto si dissolve come una bolla di sapone, esattamente com'era iniziata. E poi per chi mi sta intorno, quelli vicinivicini (che una volta archiviato il concetto vacanza-in-giappone, hanno altresì archiviato il concetto di cibo-giapponese), ma anche per quelli più lontani... ehm, tipo voi per esempio (che, tra l'altro, avete il buon cuore di passare a leggermi tutti i santi giorni: a proposito, grazieee!)... e quindi pausa! Anche perchè passata l'enfasi e l'eccitazione della vacanza, la fase in cui tutto è bello e terribilmente affascinante, succede semplicemente che il tempo scorre, i ricordi s'annebbiano, sei preso da almeno 7-8mila tumulti anche di tutt'altro genere... e tuttavia (ri)eccoci qui, nel post-astinenza c'è ancora tanta passione (per cui lasciate ogni speranza...), poi soprattutto curiosità e quella strana e solitissima voglia di continuare a giocarci intorno anche solo per vedere l'effetto che fa. Per esempio, ad associare l'inassociabile e non vi racconto proprio il disappunto di quando su twitter m'ero permessa di paragonare ciò che vedete in foto ad una sorta di caprese nipponica... ma daaai, in fondo si gioca no?! E infatti giocavo sulla questione che il tofu derivi, appunto, dalla cagliatura del latte di soia: è il 'formaggio' dei vegetariani (anzi, dei vegani ;-)... e poi scusate, quale foodblogger più autorizzato della sottoscritta a prendere anche un po' in giro nostra signora la mozzarella?! :)) Ma visto che scrivevo questo post e già vedevo voi, inesorabilmente schierati tra quelli che nemmeno iniziano a leggere (vabbè dai, oggi Precy parla di tofu:)), quelli che leggono comunque, ma con l'eterno sorrisino beffardo sotto i baffi (chè tanto io, il tofu, giammai:)) e poi quelli seriamente interessati e che, udite udite, vorrebbero perfino saperne di più... ecco, con il vostro permesso :)) avrei improvvisato una (Tofu)FrequentlyAskedQuestions!!! :))


Perchè mangiarlo?
Intanto per la questione che il tofu è una fonta proteica (e anche di calcio) di tutto rispetto, vegetale al 100% e non vedo perchè non inserirla, a rotazione, per esempio tra la fettina del mercoledì e la sogliola del venerdì, tanto per dire. Pietanza decisamente ipocalorica, a ridotto contenuto di sodio e perfettamente digerita anche da chi soffre di intolleranze a latte e derivati. Sic.

Dove lo trovo?
Nei negozi biologici, ipermercati, supermercati ben forniti... e persino al Todis. ;-)

Quale tipo scelgo?
Personalmente preferisco acquistarlo fresco, al naturale e biologico, già porzionato in panetti. E' praticissimo da affettare e soprattutto si fa presto a cucinarlo o semplicemente condirlo secondo le voglie del momento. In alternativa, ci sarebbe la versione conservata e a seguire, a seconda della quantità di acqua ancora presente, potrebbe capitare d'imbattersi nel tofu delicato (tipo budino), solido (tipo feta per intenderci) e secco (consistenza simile alla carne cotta, tende a sbriciolarsi però). Molto dipende da come intenderete cucinarlo, insomma.

Quanto costa?
Dipende da marche e offerte varie, ma soprattutto dalla tipologia di tofu acquistata: per quello fresco al naturale siamo sugli otto euro al chilo.

Come si conserva?
Ehm, leggere le etichette... sono lì per quello. ;-)

Che sapore ha?

Qui ci sbrighiamo in fretta: il tofu non sa di nulla, passare velocemente alla domanda successiva e tutto vi sarà più chiaro! :))

Come lo preparo?
Dicevamo quindi, il tofu non sa di nulla! Per cui, qui, il nervo della guerra, o meglio, l'eterna contestazione sollevata dai più, sul perchè arrovellarsi per rendere gradevole e mangiabile un qualcosa che resterà sempre e comunque neutro da morire.... bè, per esempio per le ragioni esposte in alto e cioè per il fatto che visti il prezzo, le proprietà nutrizionali, la leggerezza e quant'altro, varrebbe appunto la pena inserirlo, eheheh, tra la fettina del mercoledì e la sogliola del venerdì... e magari anche arrovellarsi per scovare la ricettina assolutamente più stuzzicante che ci sia ;)). Giustappunto, a parte il rimando alle indicazioni riportate sulle confezioni, nonchè alla miriade di ricette e consigli di cui è pieno il web, mi permetterei di segnalare la versione fritta (all'uso giapponese ovviamente) e poi sicuramente quella marinata (con o senza giro di piastra subito dopo): la marinatura la scegliete decisamente voi, passando dalla salsa di soia e quant'altro, all'olio extravergine d'oliva, fino ad arrivare, ehm, alla ricettina che trovate per esempio qui in calce. :)) Poi, premio speciale a chi penserà che "al prossimo giro, quasi quasi, si può provare alla milanese", ooppss. :)) E dai che v'ho fatto venire la voglia! :D

Tofu marinato in bagnet verd (salsa verde piemontese)

per la salsa:
3 filetti di alici sott'olio (io, quelli delfino battista... buonissssimi:))
50 gr aceto

1 spicchio d’aglio

1 cucchiaio scarso di capperi dissalati
100 gr d’olio d'oliva
1 fettina di pane
120 gr di prezzemolo fresco

1 tuorlo d’uovo sodo
pepe

poco zucchero

Con l'aiuto di un mixer da cucina, tritate il prezzemolo, le alici, l’aglio ed i capperi. Bagnate con l'aceto la mollica della vostra fetta di pane, strizzatela bene e frullatela con tutto il resto. Unite anche l’olio, il tuorlo d'uovo sodo, il pepe e continuate a frullare fino ad ottenere un composto omogeneo e decisamente fluido. Con questa salsa, irrorate generosamente il panetto di tofu tagliato a fettine e lasciate marinare in frigorifero (coperto!) per almeno mezz'ora.

Oppure, molto prosaicamente parlando, impacchettate il tutto tra due strati di focaccia, qualche foglia di lattuga e avete fatto! Gnam :))

14 commenti:

Giò ha detto...

finalmente qualcuno osa dire che il tofu non sa praticamente di niente!però da un lato lo puoi appunto marinare e condire un pò come si vuole! bella questa idea di italianizzarlo!

Sandra ha detto...

cara Precisina, a poterlo mangiare, il tofu! :(
Sono allergica, ahimè, alla soia e devo fare attenzione. Poco cibo jap&Co e controllando i quantitativi!
Ma questo è delicious
:-P

Elisakitty's Kitchen ha detto...

E' il colmo questo! La caprese con il tofu? No precy! Perfavore regoliamoci eh!?
AHAHAHAH!
Per una jappo-simpatizzante come me sarebbe il pranzetto ideale! :))

La cuoca Pasticciona ha detto...

Ma che bellezza questo tofu.. non l'ho mai assaggiato, però visto che si trova nei tosis, mi sa che lo vado a prendere a vedere se mi piace... bacetto ottima questa idea

Fra ha detto...

Io prefeisco il seitan, ma il tofu non mi dispiace per nulla, lo trovo davvero una valida alternativa alla carne. E' vero il suo sapore è incredibilmente neutro ma proprio per questo si presta a divertenti abbinamenti. Questo tuo bagnetto piemontese è davvero molto intrigante, deve risultare un piatto molto saporito
Un bacione
fra

astrofiammante ha detto...

mossa dalla curiosità ne ho giusto una confezione in frigo...meno male che son passata di qui, dato che non ho idea di cosa farne ;-)

Luciana ha detto...

La marinatura è perfetta...conferisce al tofu tutto il sapore di cui ha bisogno...ottima idea...ciao Luciana

terry ha detto...

Gran bel post, utile e ben scritto!
Io il tofu lo mangio, anche non essendo vegana o vegetariana, appunto perchè lo trovo sano e ipocalorico e versatile, il suo non sapore lo rende insaporibile in mille modi! infondo molte mozzarelle san ancor meno che del tofu cmq! :)
e la tua idea di chiamarla caprese nipponica mi piace...è simpatico giochicchiare con i nomi, con le idee e associazioni!
Sta marinatura è da provare!
ciaoooo cara
a presto:)

The Master Of Cook ha detto...

Complimenti per questo post molto chiaro e sincero.

A me il tofu piace ma ho un po di problemi con la consistenza e con il fatto che qui a Cagliari non si trova da nessuna parte tranne che nei market orientali...

A presto :-)

acquaviva ha detto...

maddddaiiii! Mi farai morire: il tofu con la salsa verde... Mi diverte da matti!

Precisina ha detto...

@Giò: cioè mi viene da ridere perchè, in pratica, più buona è la marinatura...meglio è ;-)

@Sandra: qui qualcuno (e non io) pur di passare il testimone... continua a lamentare strani effetti da soia, ecc ecc... per quanto mi riguarda, primissimi risvegli in quel di tokyo (quindi post cenette ad alto tasso di soia et similia) con palpebre gonfie da morire... ma poi c'avrò fatto l'abitudine mi sa ;-)

@Elisa: lol!

@La cuoca Pasticciona: e poi torna a far rapporto (curiosa) ;-)

@Fra: e il tempeh? :))

@astrfiammante: eh sì, infatti capita... di comprare e lasciar scadere... lasciamo perdere va!!! se non sono fusa del tutto, ti leggo qui per la prima volta o sbaglio?! ... benvenuta!!! :))

@Luciana: non potevi dirla meglio ;-)

@Terry: a presto ;-)

@the master of cook: grazie!!! ma davvero? sarà mica che i sardi sono pocopoco propensi alle infiltrazioni 'estere'... no eh?! :))

@acquaviva: sapessi... pure io!!! :)) (un uccellino mi ha detto che qualcuno, prossimamente... :)) fatti sentire :))))

Anonimo ha detto...

Sono vegetariano, e mi ha fatto piacere trovare questa ricetta. Bella faq... ed è vero... non sa di niente.

Prova il tofu croccante speciale al ristorante cinese Hang Zhou... per me è davvero buono!

SuD

Precisina ha detto...

SuD benvenuto! quel cinese lì non l'ho ancora provato... tofu croccante però m'intriga, sarà la parte croccante mi sa!!! :))

Maddalena Sodo ha detto...

ho trovato solo ora questo post molto interessante. Tempo fa avevo provato a fare il passaggio da vegetariano a vegano...ma per me l'ostacolo formaggio/mozzarella....è insuperabile. Ho provato a usare il tofu...e apprezzo la sincerità nell'ammettere che non sa di nulla, quando la maggior parte dei vegani lo presentano come possibile sostituto del parmigiano,.Ci vuole obiettività in queste cose, e sentirmi dire di grattugiare il tofu al posto del parmigiano...mi ha fatto inorridire. Comunque proverò la tua ricetta marinata.