giovedì 26 novembre 2009

Pâte brisée au vin, con pesto e lonza (di Paolo Parisi)


E traducendo al volo al volo, pasta brisée al vino. Scovata per puro caso tra le pagine di un blog di dichiarata fede vegana (e che ci facevo poi da quelle parti? boh) per cui, manco a dirlo, niente uova, niente burro e, statene pur certi, assolutamente niente margarina. In realtà, proprio quest'ultima poteva perfino starci, solo che - come si dice - vegano è bene, non nocivo alla salute è pure meglio (si dice così, no?!). A parte questo e, soprattutto, placati i primi, incontenibili entusiasmi (cavolo però, ma quant'è sana stà ricetta! come se non bastasse, impasti e stendi in un attimo e senza nemmeno star lì a rimpiangere quel santo rotolo di pasta sfoglia pronta..), dicevamo, dopo i primi gridolini adolescenziali, c'è venuto in mente che stà cosa qui, in effetti, aveva un non so che di familiare:-). Burro contro olio quindi, a voi la scelta, signore e signori! E nel caso dovesse servire una velocissima idea per la farcitura: un velo di pesto, qualche fettina di lonza (che, davvero, non presentiamo nemmeno più), una grattatina di pecorino e avete fatto.

Per la pasta brisée al vino: 300 g di farina 0, 80 g di olio d'oliva, 120 grdi vino bianco secco (oppure spumante), 1 cucchiaino di sale fino. Impastate tutto fino ad ottenere una massa liscia ed elastica. Stendere molto sottile, farcire a proprio gusto ed infornare a 180 gradi per 30-40 minuti.

English, please!!!

For wine pastry: 300 g of flour 0, 80 g of olive oil, 120 grdi dry white wine (or sparkling), 1 teaspoon of salt. Mix everything until you get a smooth and elastic dough. Roll out very thin, stuffed to taste and bake at 180 degrees for 30-40 minutes.

15 commenti:

raffy ha detto...

buonissima...devo provarla...buona giornata!!

Elisakitty's Kitchen ha detto...

precisina questa ricetta è favolosa non posso non provarla!

LaGolosastra ha detto...

mi vien da ridere perché io la uso regolarmente (tanto per dire: è in forno anche in questo momento) e non ho mai pensato di chiamarla con un nome così... fascinoso...
ahaah sono proprio 'rustega'!
Veganblog è una fonte di ispirazione meravigliosa per me!

Alem ha detto...

che buona!!!

Dida70 ha detto...

e infatti io utilizzo alternandole, la tua ricetta della briseè al vino e anche questa e sono buone tutte e due!
un abbraccio
dida

Elga ha detto...

La trovo golosissima e ho giusto della lonza affettata in frigo:)

Precisina ha detto...

@LaGolosastra: lol!!! sai com'è, se non ce la tiriamo da soli...
baci, :))

sfizzioso ha detto...

e vaiiiiiiii nel forno giace (pate brisèe au vin,con crema di zucca gialla e pancettina arrotolata e affum.con il ginepro made in nonno paterno) alla faccia dei vegan che mi odieranno ...

P.s. il 50/50 continua ancora!!!

Precisina ha detto...

@sfizzioso: per la precisione suggerirei 33/33/33... onore al nonnino con la pancetta arrotolata che sa ginepro, yum!!! :))

fiOrdivanilla ha detto...

interessantissimo impasto sai?? semplice anche... e alquanto appetitoso!

Giò ha detto...

ha ragione la Golosastra..così fa molto chic!!
però quello che mi ha colpito è il ripieno!

Max ha detto...

Sei proprio brava!

Precisina ha detto...

@Giò: ;-) provaprova!

@Max: ehm, tutta rossa :)) e ti volevo giusto dire una cosa partorita sul momento, vabbè va... te la dico da te ;-) baci.

Elena ha detto...

questa è davvero ottima e molto originale...complimenti e baci

titti ha detto...

Dev'essere squisita.. ti ho aggiunto sul mio facebook, io non sono brava a cucinare, ma spero un giorno di poter diventare brava...
un abbraccio
Patrizia