giovedì 5 marzo 2009

Linguine agli agretti


Visto?! Posso farcela perfino io: piatto (tutto sommato) leggero, pieno di verdurine colorate, decisamente carino da vedere, divertente d'avvolgere, gratificante per il palato... pure un filo patriottico, volendo! Complice, il mio fidatissimo fruttivendolo extracomunitario (filippino? dominicano? la prossima volta devo proprio chiederglielo) anzi, più precisamente, il dipendente del solito fruttivendolo autoctono che, davvero, dovrebbe ringraziare tutti i giorni la sua buona stella per avergli fatto trovare stò gran lavoratore che pensa a tirare avanti la baracca! E che, lavoro duro a parte, se ne sta lì a diffondere ricette, così, come se niente fosse (lo so lo so, li trovo tutti io!). Oltretutto, mi ha confidato che nel suo paese faceva l'insegnante (sigh!)... ed in fondo in fondo, un po' lo sospettavo, non era proprio tipo da patateeee-cipolleeeee-poco-prezzo-poco-prezzoooo. No no, molto più sul genere: signora, ma li hai mai cucinati questi qui? :-) Furbo il professore, no?! E ieri è stata, appunto, la volta degli agretti (barba di frate, come li chiamate voi?), il professore suggeriva di farli semplici-semplici, al limone... soltanto che io, più lo guardavo (il fascio di agretti), più pensavo alle linguine... dev'essere stata la forma! E così, ieri sera, giocando un po' con i colori ed i sapori (ok, c'è scappata anche un po' di ricotta stagionata, mò non esageriamo!)... il condimento si prepara mentre bolle l'acqua per la pasta e quando, finalmente, l'acqua bolle ed aspettiamo (stavolta) che cuocia la pasta... ne approfittiamo per apparecchiare, tagliare il pane etc etc... ecco, vi ho anche ottimizzato i tempi di preparazione, più di così, davvero, non saprei cosa inventarmi! Anzi sì :-) ci sarebbe, in effetti, l'irrinunciabile chicca del giorno - mica potevamo farla scivolare via così?! - diciamo pure, le indiscusse reginette del piatto: splendide linguine Faella che... a dirla tutta, m'ero già innamorata della confezione, molto casareccia, azzarderei partenopea (sono un po' feticista, ok). Al centro della confezione (che, tra l'altro, semba proprio il sacchetto della panetteria) c'è un'indispensabilissima finestrella per chi volesse starsene lì a sbirciare quest'oggetto meraviglioso (intanto che decidi, finalmente, come cucinarlo): amore, ma hai notato la tramatura? Sorvolando sullo sguardo rassegnato ricevuto in cambio :-) ...è una tramatura incredibilmente spessa, corposa, rustica... e visto che, di linguine, ne ho ancora un bel po', quasi quasi, scendo un attimo dal professore a cercare nuove ispirazioni :-)

Linguine agli agretti
per due persone

150 g di linguine

1 mazzetto di agretti
1 pomodoro tondo, sodo
ca. 50 g di ricotta stagionata
1 spicchio d'aglio
2 cucchiai d'olio extravergine d'oliva
sale e pepe

Mettete a bollire abbondante acqua in una pentola piuttosto grande. Intanto, pulite gli agretti eliminando le piccole radici finali e lavateli accuratamente. Incidete il pomodoro disegnando una croce sulla parte superiore con la punta di un coltello ben affilato. Appena l'acqua bolle, salatela e tuffatevi il pomodoro. Scolatelo dopo circa dieci secondi ed eliminate la pellicina esterna. Tagliatelo, quindi, a listarelle sottili ed eliminate la parte con i semi (dovrete utilizzare soltanto la polpa carnosa). Scaldate l'olio in una padella antiaderente e rosolatevi lo spicchio d'aglio. A doratura avvenuta, eliminatelo ed unite le listarelle di pomodoro: rosolatele brevemente e conditele con sale e pepe. Tuffate gli agretti nell'acqua bollente e lasciateli cuocere per circa 5 minuti. Scolateli, quindi, sollevandoli con un mestolo forato e passateli direttamente nella padella con il condimento. Insaporiteli con cura. Lessate la pasta nella stessa acqua di cottura degli agretti e scolatela al dente. Saltatela velocemente nella padella con gli agretti, unendo anche la ricotta sbriciolata grossolanamente con le mani (giusto il tempo di far sciogliere un po' il formaggio ed amalgamare bene tutti i sapori). Servite immediatamente.

19 commenti:

JAJO ha detto...

Ciao Precyyyy, prova a cuocere la pasta nell'acqua di cottura della verdura, prende ancora più sapore. E, poi, in particolare la Faella (che adoro).... Hai provato le "reginette"? sono spesse 3 millimetri eppure la cottura è sempre perfetta !!!

Precisina ha detto...

Ti trovo un po' distratto... intanto è esattamente quello che ho fatto (vado a rileggere la ricetta, forse sono stata poco chiara) e poi, soprattutto, m'aspettavo la battutina sprint sul professore!!! :-) bacio, N.

Precisina ha detto...

Ho riletto ho riletto, precy nun s'è sbagliata! Reginette dici... yum... mannaggia a te! Ah, ti sto preparando un file ischia-gourmet da brividi... preferisci mail o cartaceo?

manu e silvia ha detto...

Ciao! buonissime queste linguine1 noi gli agretti non li abbiamo ami assaggiati..ma già da come si presenta l afoto..devono essere super!!!
eh...poi il formaggio non manca mai!
e bravo il nostro fruttivendolo-professore!!
un bacione

Paola ha detto...

Li adoro, mi piacciono, li ho scoperti qui a Roma, fanno bene e sono pieni di ferro (fero alla romana:))ma odio pulirli, che il professore li vende già capati????

JAJO ha detto...

Mi ho confuso quando hai detto "scolateli", riferendoti agli agretti e mi sono perso dietro il pensiero di cuocere la pasta nella stessa acqua (cosa che hai detto due righe dopo...).
Che me posso mette a compete co' 'na PRECISINA !?!?!?! :-D
La battuta (scontatissima, più dell'insalata alle 7 di sera :-D, poteva essere: "E tu quando vai a fare l'insegnante nelle Filippine?" :-D)

Vabbe'... torno al lavoro che è meglio :-)

tartina ha detto...

Gli agretti sono la mia passione!
Buone queste linguine, ti copio la ricetta =)

*

JAJO ha detto...

Nadiaaa, va benissimo anche per mail: GRAZISSIMEEEEE !!!! :-D

Le Reginelle non sono facili da trovare, anzi... :-(

Lo ha detto...

il racconto del fruttivendolo è meraviglioso...la prossima volta che lo vedi gli porti i miei saluti e la mia ammirazione? ...io li chiamo barba di frate ;) bacioooo

Precisina ha detto...

@manu e silvia: eh, sotto sotto... ricottina, zac!!!

@paola: allora me ne vado a prendere un altro mazzetto :-) il professore te li cucinerebbe pure, eventualmente... cmq, me li son puliti da me... e che cavolo, donna in carriera che non sei altro :-)))

@jajo: però effettivamente potrebbe indurre in errore... ho specificato meglio! filippine? è un'idea, appena finisco di divertirmi qui!!! :-) mi attivo subito per le reginelle...

@tartine: pensa che li ho scoperti di recentissimo!

@lo: la cosa non poteva sfuggirti, sempre un campione di sottile sensibilità! bacio.

Fra ha detto...

No fantastico ci sono già gli agretti...io li adoro ma qui a Bologna non li ho ancora visti!
Le linguine sembrano deliziose...ma che telo dico a fà!
Un bacio
fra

NUVOLETTA ha detto...

non l'ho mai mangiati gli agretti.....

carmen ha detto...

interessante il racconto del professore-fruttivendolo, una volta a casa mia faceva le pulizie una pianista ucraina veniva da Chernobyl e diceva che non era successo niente dalle loro parti, insistevo sul nucleare e lei diceva che lo stato aveva detto loro che non c'erano rischi!!!tornando alla ricetta è molto gustoso l'abbinamento degli agretti con le linguine e mi piace la ricetta anche per la rapidità di preparazione un bacio

manu e silvia ha detto...

Ciao! avremmo un piccolo pensiero per una tua ricetta..se vuoi passare a trovarci....

Precisina ha detto...

@fra: visti, zac, miei!

@nuvoletta: che sia la volta buona :-)

@carmen: appunto, certe volte basta mettersi ad ascoltare... oddio, a dire il vero non faccio altro (tempo permettendo, sob)!

@manu e silvi: vistovisto, grassssssie!!!

Emanuele73 ha detto...

Buonissima questa ricetta, l'ho provata ieri sera. Veloce da preparare e gustosa. Mi mancavano le linguine, che ho sostituito con i fusilli di grano duro. Ottimi!!

Precisina ha detto...

@emanuele: ma daaaai, ecco perchè mi fischiavano le orecchie allora!!! :))))))) molto contenta ed onorata davvero ... e quindi alla prossima cenetta! ;-) Nadia

p.s. bene per i fusilli, immagino l'effetto acchiappa-verdura! :))

Zucchero & Cannella ha detto...

Gli agretti sono diventati anche la mia passione !

Guarda qui:

Zucchero & Cannella ha detto...

http://zuccheroandcannella.blogspot.com/2010/03/agrettimamma-che-buoni.html