venerdì 30 gennaio 2009

Insalata di carote... Ikea style!


Ma quante fantastiche ricette che mi state inviando!!! Tutte povere, belle, ma soprattutto cariche di ricordi, di sincero valore affettivo... i posteri ce ne saranno grati, lo sento! E mentre continuate a cucinare ed inviare (c'è tempo fino alla mezzanotte di domenica 1 febbraio, dopodichè, appena un paio di giorni per la camera di consiglio e vai di dovutissima premiazione!), giusto per ingannare l'attesa snervantissima, lasciatemi dedicare il post del giorno alla persona che, con una disponibilità ed uno spirito organizzativo a dir poco commoventi, m'impegna (quasi tutti) i weekend, ormai, dallo scorso ottobre (e lo so, ci piace valutare bene gli acquisti!). Mi sa tanto che dal bicchiere inequivocabile qualcuno avrà già vagamente intuito, per cui sveliamolo subito: lui, il signor ikea. Il sogno proibito di tutti i traslocandi, rinnovandi e chi più ne ha, più ne metta! E sarà che, noi, stiamo davvero per raschiare il fondo del barile, ma l'ultima volta è finita che mi son messa persino a spulciare i libricini con le ricette ikea, quelli che espongono nel ghetto-ikea-family (ma certo che siamo muniti di apposita scheda, che domande!)... ah, aspetta, dò un'occhiata (anche) qui! E lo devo dire: senza star lì a far troppo gli snob, ci sarebbero un certo numero d'idee carine, ecco, se non altro le idee (tipo questa deliziosa insalata, toh)! Ovvio che, per realizzare le ricette, devi necessariamente fare un salto alla bottega svedese... ma meno male che c'hanno pensato loro, come avrei fatto altrimenti?! Bottega posta strategicamente dopo le casse... nel senso che, mentre sei lì, afflitto, ad attendere il tuo turno per pagare (però bello, dopo, mi toccherà soltanto trasportare, scaricare, montare...)... puntualmente, alle mogli, scatta il solito lampo di genio: dai, stasera salmone marinato, mentre sei in fila, faccio un giro in bottega, ok? E provateci un po' a dissuaderle! Ma il punto è un altro: all'ikea, davvero, nulla è lasciato al caso, tutto è posizionato esattamente là dove dovrebbe essere... per avere la certezza, praticamente matematica, d'essere acquistato! Alzi la mano chi, arrivato al settore utensili da cucina, dopo almeno tre ore di scrivanie e separatori di biancheria, non inizia a buttar giù roba nel carrello, con fare a dir poco compulsivo?! Solo che, a quel punto, ti manca totalmente la lucidità, giusto per rendersi conto che, su dieci cose, nove non ti servono affatto! Ma la cosa che, in assoluto, m'appaga di più, è il fatto che lì, all'ikea, ti capiscono, cavolo se ti capiscono! Sanno che la settimana è stata dura e almeno nel weekend, nonostante i doverosi acquisti, avresti voglia di rilassarti un attimo, di non pensare... accontentati! Lì da loro puoi tranquillamente spegnere il cervello e lasciarti, semplicemente, guidare... dai cartelli! Ci penseranno loro a ricordarti tutto, persino di respirare (capita di distrarsi no?!). Anche in bagno... ehi, appoggia qui la tua borsa, cambia qui il tuo bambino... wow, gagliardo, chi c'avrebbe mai pensato! Oppure, alzi la mano (ancora, sì) chi non ha mai tentato di svignarsela alla chetichella, dopo un sagace piatto di polpette svedesi, quand'ecco che... sai perchè devi provvedere da solo a sparecchiare il tuo tavolo? ... oddio, ma hanno assolutamente ragione!!! Ikea, grazie d'esistere!!!

Insalata di carote, con arancia e pinoli
per due persone

25 g di pinoli
1 arncia
50 g di uva sultanina lavata
1 pizzico di cumino macinato
250 g di carote
1 cucchiaio d'aceto bianco
3 cucchiai d'olio extravergine d'oliva
1 cucchiaio di prezzemolo fresco tritato
pepe, sale

Arrostisci i pinoli in una padella antiaderente e lasciali raffreddare su un piatto. Lava l'arancia e grattugia un cucchiaio di buccia. Spremi l'arancia. In un pentolino, porta a ebollizione il succo, la buccia grattugiata, l'uvetta ed il cumino. Scalda il composto a fuoco lento finchè non risulta piuttosto denso. Pela le carote e grattugiale nel robot o nel tritatutto. Per il condimento, emulsiona in una ciotola l'aceto, l'olio, pepe e sale ed aggiungi le carote ed il composto all'arancia. Cospargi con i pinoli ed il prezzemolo e utilizza per accompagnare carni grigliate e stufati.

E poichè quest'insalatina (ikea a parte) risulta parecchio divertente, ma davvero... quasi quasi, partecipo alla raccolta d'insalate della strega Susina :-)




11 commenti:

ines ha detto...

bell'idea, ho la gola in fiamme e mangerei solo roba così fresca. Grazie per la dritta. bacio

manu e silvia ha detto...

che bella insalata!! e davvero particolare la presentazione!
noi all'ikea ci andiamo poco...ci sembra un incubo di corridoi e strade senza uscita!! ecco, se vuoi qualcosa di particolare...lì lo trovi di sicuro!!!
bacioni

Paola ha detto...

Chiedi un po' al principe dei nostri giretti all'Ikea prima di sposarci!! Uscivamo da lì con niente di quello prestabilito, ma con carrelli stra-carichi di utensili da cucina (che ciotoline!!!) e candele!!!Poi mentre lui pagava, io mi riempivo le sporte di prelibatezze svedesi. Ahh che tempi!!! Fichissima l'insalata al bicchiere!!! Bacio

Onde99 ha detto...

L'Ikea per la prima decade del 2000è quello che è stata la televisione negli anni '50: ha fatto dell'Italia una sola, solidale nazione, unificando la popolazione sotto un solo linguaggio. Nel secolo scorso l'italiano, adesso lo scaffale sten. Non è bellissimo ed emozionante, non ti riempie il cuore di un sentimento di gioia e di fratellanza scoprire che a 300 km di distanza da te, in un appartamento di Firenze, ci sono i tuoi stessi bicchieri e che sempre gli stessi bicchieri si trovano anche in uno chalet sull'Appennino? E che probabilmente pure la Zia Anna, quella a cui telefono troppo poco, nella sua casa in faccia allo Ionio ha gli stessi bicchieri e che pure la casalinga di Voghera affoga la sua frustrazione nell'alcool bevendo da questi bicchieri?

Kitty's Kitchen ha detto...

Bella! Me la faccio subito oggi a pranzo! Un saluto da un altra Ikea addicted! Mi comprerei sempre di tutto ogni volta che vado

Paola ha detto...

P.S. oggi sono andata a pranzo al Cuoco Nero e ho pure avuto modo di scambiare 4 chiacchiere con Santin, in attesa di organizzare la tavolata, giorno a pranzo dovresti provare a venirci, io ci torno volentieri, è proprio qui sotto al mio studio, fa dei dolci da paura!!!

Precisina ha detto...

@ines: oh, mi spiace :-( rimettiti in fretta!

@manu e silvia: brave, continuate così!

@paola: e io che stavo per chiederti se la tachipirina aveva fatto effetto... a stò punto potevi almeno ingaggiarlo come guest star per maggio... ehi santin, save the date pure tu! bacio, n.

@onde: grande (come sempre), che faccio? sottoscrivo?!

@kitty: ma... l'hai mangiata davvero? :-)

lenny ha detto...

Sono una gran consumatrice di insalata di carote con il taglio julienne, ma la prossima volta proverò la tua versione con i pinoli tostati e il succo d'arancia.
Ciao

Precisina ha detto...

@lenny: sì, allora ti tocca! :-)

Kitty's Kitchen ha detto...

Si si me la sono fatta! Avevo proprio delle carotine da smaltire. L'abinamento carota uvetta non l'avevo mai sperimentato. Si sposa bene! Buon consiglio!

Precisina ha detto...

@kitty: mò chiamo ikea...