lunedì 3 maggio 2010

Crostata alla grappa, con albicocca e cioccolato

Questa serviva ad addolcire la bocca al termine del picnic del primo maggio. E come spesso succede, quando non ci sono esplicite rischieste da parte dei gentili fruitori (argh, per altro sempre più esigenti), la scelta è docilmente (re)cascata sull'adorata pasta frolla, qui in versione aromatica ed iper-friabile. Zucchero di canna per ispessirla e colorarla d'ambrato, poca farina di riso nell'impasto e grappa di Toccomagliocco (mamma mia... profumatissima) giusto per vedere se si riusciva a fare ancora meglio dell'ultima volta. Quanto alla farcitura, come direbbe qualcuno (che si chiama Gabriele Bonci), un'autentica sensazione di Sachertorte (nel caso di Bonci, era un pizza con l'inconfondibile sensazione di lasagna, diavolo d'un mastro pizzaiolo:)): confettura di albicocche molto artigianale e soprattutto al naturale e pezzettini di cioccolato fondente al 70%. Buona, molto. Non ultima, la questione che evitate tranquillamente d'impazzire con mattarello e pasta frolla (che si rompe) visto che qui, molto volgarmente parlando, schiaffate l'impasto direttamente nella stampo e ve lo gestite direttamente da lì. Ed il bello è che nasce assolutamente per caso e senza alcuna pretesa di sorta. E forse proprio per questo annotata al volo nei gastro-annali di casa Precisina, per non perderne assolutamente traccia, ma proprio per niente ecco! :))

Crostata alla grappa, con albicocca e cioccolato

per la pasta frolla:
250 g di farina 00
50 g di farina di riso
4 tuorli
150 g di burro a temperatura ambiente
150 g di zucchero di canna
4 cucchiai di grappa
1 pizzico di sale

per farcire:
80 g di cioccolato fondente al 70%
1 barattolo di confettura di albicocche (senza zucchero aggiunto)

Lavorate velocemente gli ingredienti della pasta frolla (potete anche aiutarvi con un mixer), ponete l'impasto così com'è in uno stampo rotondo da 28 cm di diametro (foderato con carta da forno) e schiacciatelo con il palmo delle mani in modo da rivestirne base e pareti (non preoccupatevi se vi sembrerà poco omogenea, si compatterà perfettamente in cottura). Grattuggiate metà del cioccolato sulla base di pasta frolla, coprite con la confettura di albicocche e completate con il cioccolato rimasto tagliato a pezzetti. Cuocete in forno già caldo a 180 gradi per 30 minuti. Estraete lo stampo e lasciate raffreddare completamente prima di servire (meglio se conservata in frigorifero per un'intera notte).

8 commenti:

lise.charmel ha detto...

non ho mai provato la frolla con la farina di riso, ma se non abbisogna di riposo diventerà la mia preferita d'ora in poi!

Consy ha detto...

Tra i fortunati ad averla assaggiata :)
Buonissimaaaaaaaaaaaaa!

terry ha detto...

Sbaglio ma ho letto grappa?!?!?...allora è la mia crostata!;)
bella ricettina tesoro!:)

marianna ha detto...

ma sei una cuoco incredibile, quanto mi ispira questa ricetta.....cercherò di sperimentarla al più presto!

marianna ha detto...

sei una cuoca incredibile!!! questa ricetta mi ispira tantissimo, anche se io non mangio dolci, ma "a naso" mi sembra eccellente!!!
baci a presto

Castagna ha detto...

Se l'impasto è così favoloso, allora va provato e non me lo posso lasciar scappare!
PS sono passata su un nuovo blog, am sono sempre Castagna...passa a trovarmi!

Serendipity ha detto...

bella ricetta...la proverò!
anch'io ho provato ad usare un liquore nell'impasto di una frolla...sento già il profumino...

Precisina ha detto...

Ciao Marianna, benvenuta tra noi!!! :))))

@castagna: ahhhh sei sempre tu, meno male!!! :)))